COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI ISTITUTO TRIENNIO ANNI SCOLASTICI 2017 - 2020

Il Consiglio dell'Istituto Comprensivo "Cuneo-Oltrestura" è composto dai seguenti membri:

N.

COGNOME

NOME

RAPPRESENTANTE

1

RULFI

Mariella

Dirigente Scolastico

2

PAROLA

Alberto

Rappresentante genitori

3

REGHEZZA

Manuela

Rappresentante genitori

4

MERIGGIO

Daniela

Rappresentante genitori

5

BERTAINA

Fiorenzo

Rappresentante genitori

6

BRIGNONE

Marisa Agnese

Rappresentante genitori

7

MUSSO

Simona

Rappresentante genitori

8

VERRA

Bruno

Rappresentante genitori

9

GIORDANO

Irene Alessandra

Rappresentante docenti

10

CALLERI

Stefania

Rappresentante docenti

11

CAMINITA

Maria

Rappresentante docenti

12

DUTTO

Ivana Assunta

Rappresentante docenti

13

GIORDANO

Anna Maria

Rappresentante docenti

14

FAMA

Laura

Rappresentante docenti

15

BERNARDI

Lorena

Rappresentante docenti

16

AMERIO

Antonella

Rappresentante docenti

17

DEMICHELIS

Caterina

Rappresentante personale a.t.a.

 

 


RINNOVO CONSIGLIO DI ISTITUTO PER IL TRIENNIO 2017 - 2020

Hanno diritto alla rappresentanza i genitori, i docenti ed il personale amministrativo ed ausiliario. Il Consiglio è costituito, di norma, da 19 membri così suddivisi:

·        n. 8 rappresentanti personale docente;

·        n. 8 rappresentanti genitori degli alunni (assicurato almeno 1 seggio ai genitori di ciascun ordine di scuola);

·        n. 2 rappresentanti personale amministrativo, tecnico ed ausiliario e dal Dirigente Scolastico.

COMPITI

È l’organo che esercita le funzioni di indirizzo politico-amministrativo e definisce obiettivi e programmi, verifica la rispondenza dei risultati. Al Consiglio non competono gli atti ed i provvedimenti di gestione. Gli atti fondamentali di indirizzo e di scelta sono il Piano dell’Offerta Formativa ed il Programma Annuale. Gli atti fondamentali di controllo sono le verifiche e le modifiche al Programma Annuale e l’esame del Conto Consuntivo. Il Consiglio ha poteri in materia di attività negoziale tra cui adesione a reti di scuole e consorzi. Definisce le modalità ed i criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie, su proposta del Collegio dei Docenti; regolamenta lo svolgimento delle attività didattiche che costituiscono un ampliamento dell’offerta formativa, su proposta del Collegio dei Docenti. Approva il documento programmatico sulla sicurezza ed adotta il regolamento in materia di dati sensibili.

 


CONSIGLIO DI ISTITUTO  - FUNZIONI ED ATTIVITÀ

Funzione istituzionale dal 1974 ad oggi
Gli Organi collegiali della scuola sono stati istituiti nel 1974 al fine di realizzare la partecipazione alla vita attiva della scuola, dando ad essa il carattere di una comunità che interagisce con la più vasta comunità sociale e civica (DPR 416/74).

Funzioni attribuite dalla normativa più recente: funzioni di indirizzo e di controllo
Tutte le amministrazioni pubbliche, comprese le scuole, adeguano i propri ordinamenti al principio della distinzione tra indirizzo e controllo, da un lato, e attuazione e gestione dall'altro (o quanto disposto dal Dlvo 165/2001, art. 4, e. 4. (ex art.3, Dlvo 29/93). In base a tale principio:
1. Gli organi di governo esercitano le funzioni di indirizzo politico-amministrativo, definendo gli obiettivi ed i programmi da attuare, e verificano la rispondenza dei risultati dell'attività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti (D.LGS. 165/01, art.4,c.1).
2. Nella sc uola il Consiglio di Istituto si configura come l'organo di indirizzo e controllo e il Dirigente scolastico come l'organo di gestione (D.LGS. 165/01, art.4,c.2).

Il Piano dell’Offerta Formativa
Con l'introduzione dell'autonomia.ogni istituzione scolastica  predispone il P.O.F con la partecipazione di tutte le componenti (DPR 275/99, art.3,c.1). Il personale della scuola, i genitori e gli studenti partecipano al processo di attuazione e sviluppo dell'autonomia assumendo le rispettive responsabilità (DPR 275/99,  art.16,c.5).

a.  Spetta al Consiglio di Istituto la più importante funzione di indirizzo per la determinazione del POF, prima della sua elaborazione: la definizione degli orientamenti generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione (DPR 275/99, art.3,c.3). Su questa base, il P.O.F. viene elaborato dal Collegio Docenti per la parte didattica.
b.  Il Dirigente Scolastico attiva i necessari rapporti con gli Enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio(DPR 275/99, art.3,c.3,4).
c.  Il P.O.F. è infine adottato dal Consiglio di Istituto, che ne verifica la coerenza con i propri indirizzi impartiti all'inizio del percorso.

Il Programma Annuale
Ai sensi degli artt. 2 e 8, D.L. 01.02.2001, n. 44, il Consiglio di Istituto delibera il programma annuale entro:
1.  15 dicembre dell'anno precedente a quello di riferimento (termine ordinatorio)
2.  14 febbraio dell'anno di riferimento (termine perentorio)
Il programma annuale è predisposto dal Dirigente Scolastico, che lo accompagna con apposita relazione, e proposto dalla Giunta esecutiva al Consiglio d'Istituto. Nella relazione il dirigente scolastico illustrata gli obiettivi da realizzare, la destinazione delle risorse in coerenza con le previsioni del P.O.F, i risultati della gestione incorso alla data di presentazione del programma e quelli del precedente esercizio finanziario.

Verifica del Programma Annuale
Entro il 30 giugno, il Consiglio di Istituto ha l'obbligo di verificare lo stato di attuazione del programma e le disponibilità finanziarie dell'istituto, in tempo per conoscere la situazione di fatto per l'inizio del nuovo anno scolastico.

Modifica del Programma Annuale
Il Consiglio di Istituto, su proposta della giunta esecutiva o del Dirigente (D.L. 44/01, art.6) e con deliberazione motivata, può disporre delle modifiche qualora sia necessario:
• variare lo stanziamento dei progetti/attività per un importo superiore al 10% rispetto a quello iniziale,
• variare a seguito di nuove o maggiori entrate non finalizzate,
• nel caso di utilizzazione della Disponibilità finanziaria da programmare,
• nel caso venga inserito nel programma annuale un nuovo progetto.

Conto consuntivo
L'approvazione del conto consuntivo è sottoposta a delibera del Consiglio di Istituto entro il 30 aprile. Il conto consuntivo, è predisposto dal Direttore SGA secondo le modalità indicate all'articolo 18, D.L.l. 44/01.

È sottoposto dal dirigente all'esame del Collegio dei Revisori dei Conti, unitamente ad una dettagliata relazione che illustra l'andamento della gestione dell'istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati.La relazione del Dirigente scolastico è un documento tecnico-politico finalizzato a rendere conto dell'impiego delle risorse finanziarie, didattiche, organizzative, secondo i principi di efficienza, efficacia, economicità, dei risultati raggiunti e del coordinamento con il contesto territoriale.

Attività negoziale
Il Consiglio d'Istituto non ha più competenza nell'attività negoziale (esempio acquisto di beni e servizi) in quanto la competenza è del dirigente. Nell'ambito dell'attività negoziale il Consiglio di istituto delibera (art. 33, comma 1, D.L. 44/2001)solo ed esclusivamente in ordine:

  •  alla accettazione e alla rinuncia di legati, eredità e donazioni;
  • alla costituzione o compartecipazione a fondazioni; all'istituzione o compartecipazione a borse di studio;
  • all'accensione di mutui e in genere ai contratti di durata pluriennale;
  • ai contratti di alienazione, trasferimento, costituzione, modificazione di diritti reali su beni immobili appartenenti alla istituzione scolastica, previa verifica, in caso di alienazione di beni pervenuti per effetto di successioni a causa di morte e donazioni, della mancanza di condizioni ostative o disposizioni modali che ostino alla dismissione del bene;
  • all'adesione a reti di scuole e consorzi;
  • all'utilizzazione economica delle opere dell'ingegno;
  • alla partecipazione della scuola ad iniziative che comportino il coinvolgimento di agenzie, enti, università, soggetti pubblici o privati;
  • all'eventuale individuazione del superiore limite di spesa di cui all'art. 34, comma 1;
  • all'acquisto di immobili.

   
Al Consiglio di istituto spettano anche le deliberazioni relative alla determinazione dei criteri e dei limiti per lo svolgimento, da parte del dirigente, delle seguenti attività negoziali:

  • contratti di sponsorizzazione;
  • contratti di locazione di immobili;
  • utilizzazione di locali, beni o siti informatici, appartenenti alla istituzione scolastica, da parte di soggetti terzi;
  • convenzioni relative a prestazioni del personale della scuola e degli alunni per conto terzi;
  • alienazione di beni e servizi prodotti nell'esercizio di attività didattiche o programmate a favore di terzi;
  • acquisto ed alienazione di titoli di Stato;
  • partecipazione a progetti internazionali.


Coordinamento di competenze tra Consiglio di Istituto e Dirigente scolastico
In base al principio della distinzione tra funzioni di indirizzo e controllo, da un lato, e attuazione e gestione dall'altro (Dlvo 165/2001, art.4, c.4), il Regolamento amministrativo contabile delinea una chiara divisione dei ruoli e delle competenze fra Consiglio di Istituto e Dirigente scolastico.

Al Consiglio di istituto competono funzioni di indirizzo politico-amministrativo:

  • la definizione degli obiettivi e delle scelte programmatiche(POF e Programma annuale)
  • la verifica dei risultati dell'attività amministrativa e della gestione rispetto agli indirizzi impartiti, grazie alla relazione del dirigente al consuntivo.
  • solo gli interventi nell'attività negoziale previsti dall'ari. 33, D.L. 44/01.

Al Dirigente scolastico spettano autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane, di cui al D.Lgs 165/2001, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali (DPR 275/99, art.16), secondo una visione sistemica ed una regia unitaria. Ha perciò competenza nell'attività gestionale legata all'attuazione del Piano dell'Offerta Formativa, del programma annuale e lo svolgimento dell'attività negoziale.

 

Notizie

SEMINARIO "ALFRED TOMATIS E LA AUDIOPSICOFONOLOGIA"

14 Mar, 2019

"Ascoltare è una facoltà che si può educare" - Seminario del 13 aprile 2019

Guarda…

JAMS - LA PRIMA SERIE TV ITALIANA DEDICATA AL TEMA DELLE MOLESTIE SESSUALI

14 Mar, 2019

Nell’ambito del Protocollo d’Intesa MIUR/RAI “Progetto Scuola” e in vista della…

PROGETTO PARI E DISPARI

24 Gen, 2019

Il progetto PARI e DISPARI, a cui il nostro Istituto partecipa, invita i genitori di…

CYBERBULLISMO A SCUOLA

21 Gen, 2019

Il giorno 23/01/2019 dalle ore 20.30 alle ore 22.30 presso la Michelin della…

SPETTACOLO DEL CIRCO ALLA SCUOLA PRIMARIA DI ROATA ROSSI

18 Dic, 2018

Lunedì 10 dicembre gli alunni della classe terza della Scuola Primaria "P. Bellino"…

OPEND DAY SCUOLA INFANZIA

28 Nov, 2018

 

 

Le scuole dell'infanzia dell'Istituto Comprensivo Cuneo Oltrestura hanno…

USCITA DEGLI ALUNNI AL TERMINE DELLE LEZIONI - SCUOLA SECONDARIA

12 Giu, 2018

E' possibile visualizzare la comunicazione relativa alla modalità di uscita degli…

URP

Istituto Comprensivo
"CUNEO OLTRESTURA"

Piazzale della Battaglia, 1
12100 Madonna dell'Olmo CUNEO

Tel:  0171 412494
Fax: 0171 417135

cnic84800x@istruzione.it
cnic84800x@pec.istruzione.it

Cod. Mecc. cnic84800x
Cod. Fisc. 80010870048
Fatt. Elett. UFUOH9

Area riservata